PRODOTTI TIPICI

La castagna del Monte Amiata

La castagna del Monte Amiata ha ottenuto tutela con l’indicazione geografica protetta. La zona di produzione comprende interamente i territori dei comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano e parte dei comuni di Cinigiano e Roccalbegna. Il disciplinare del Ministero per le politiche agricole stabilisce che le fustaie di castagno da frutto idonee alla produzione sono quelle site nella zone fitoclimatica del “Castanetum” del Monte Amiata, cioè nella fascia compresa tra i 350 e i 1000 m.s.l.m.
A seguito del conferimento dell’ I.G.P. è stata costituita l’Associazione per la valorizzazione della castagna del Monte Amiata-I.G.P.” che ha sede presso la Comunità Montana del Monta Amiata Zona I-1 Area grossetana.

Alcuni tipi di castagne

Marrone: è la castagna più pregiata per il suo sapore, è di colore marrone rossiccio, si distingue dalle altre per la sua forma e le leggere venature rialzate. ”Bastarda” Rossa: è forse la più bella per la forma un po’ panciuta e per il suo colore rossiccio.

Cecio: di forma simile alla castagna rossa si differenzia da questa per il colore molto più scuro, è la prima a cadere.

Castagna Domestica: è la più piccola delle tre, di colore rossastro. Ha una forma leggermente allungata ed è quella dal sapore più dolce, infatti una volta era quella che più frequentemente veniva fatta seccare per farci la farina dolce.

Birra Amiata

Le Birre Amiata sono prodotte a partire dalle migliori materie prime: l’orzo maltato, provenienti dalle migliori malterie d’Europa. Questo consente di avere una nota rilevante di gusto di malto nelle nostre birre. I luppoli hanno provenienze differenti: i più nobili dalla Germania, dalla Repubblica Ceca e dalla Boemia, i più erbacei dall’Inghilterra e dal Belgio, i più fruttati ed agrumati provenienti dagli Stati Uniti, quelli più fruttati dalla Nuova Zelanda. L’acqua, fondamentale per le birre buone, sgorga dalla montagna con una durezza pari a 5° Francesi e scarsa di altri elementi minerali. Dona freschezza e beverinità alle birre. I lieviti sono ceppi selezionati compatibili con lo stile di birra scelto. I prodotti tipici del territorio che inseriamo nelle birre, come la castagna IGP dell’Amiata, il miele di Marruca e lo zafferano purissimo di Maremma sono prodotte da aziende agricole locali. Pochi elementi sono lasciati alla macchina. Utilizziamo un processo che di fatto è simile a quello utilizzato dai birrai di oltre 200 anni fa. Prepariamo l’impasto macinando i chicchi di malto d’orzo e versandoli nel tino di ammostamento, dove l’amido proveniente dall’orzo si trasforma in zuccheri più o meno fermentescibili, che contribuiranno a generare il grado alcolico ed il corpo zuccherino della birra stessa. Nella fase immediatamente successiva vengono rimosse le bucce dell’orzo, denominate “trebbie” ed il mosto, ripulito il più possibile da detriti e residui della lavorazione, viene passato nel tino di ebollizione, dove verrà sanificato attraverso una lunga ebollizione e amaricato ed aromatizzato, grazie all’aggiunta del luppolo. A seguire, il mosto, dopo essere stato raffreddato, viene posizionato nei fermentatori primari. Dopo che tale fase fermentativa si è conclusa. La birra viene spostata nei tini di maturazione, dopodiché nella vasca di manovra dove, a seguito dell’aggiunta di zucchero, viene imbottigliata in modo da subire la fermentazione secondaria in bottiglia. Per questa fase sono necessarie almeno due settimane a temperatura strettamente controllata e costante.

Le Birre

Aldobrandesca                                                 

Bastarda Doppia                                               

Bastarda Rossa                                                   

Caronte                                                                   

Cinabro                                                                  

ComunAle                                                           

Contessa                                                            

Crocus

Dea Madre

Drago della Selva

Marruca

San Niccolò

Vecchia Bastarda

Zancona

BIRRA AMIATA Srl

E-mail: info@birra-amiata.it

Sito: www.birra-amiata.it